Il reflusso gastro-esofageo: un problema diffuso che può essere alleviato con l’osteopatia

Il reflusso gastro-esofageo: un problema diffuso che può essere alleviato con l’osteopatia

postato in: Approfondimenti | 0

I disturbi dati dal reflusso gastro-esofageo possono avere cause molto diverse, ma colpiscono in modo trasversale neonati, adulti e anziani. L’osteopatia, tramite manipolazioni delicate e indolori, può aiutare ad alleviare i sintomi da reflusso, anche nei bambini piccolissimi, senza bisogno di farmaci.

Tramite il trattamento osteopatico è possibile allentare le tensioni a livello del cardias, restituire mobilità alla colonna dorsale e cervicale, riequilibrare i diaframmi corporei (in particolare quello addominale), detendere l’esofago, abbassare l’attività del sistema neurovegetativo. Il tutto per aiutare l’organismo a esprimere meglio le proprie funzioni.

Definizione

Per reflusso gastro-esofageo si intende quella condizione molto comune in cui il contenuto dello stomaco risale in esofago. Una piccola quota di reflusso, liquido e gassoso, si può avere anche in condizioni normali, soprattutto dopo i pasti. Nei soggetti sani si possono avere in media 1-4 episodi/ora durante le tre ore successive al pasto. Si tratta di un reflusso poco acido, breve, e poco avvertito proprio in quanto poco acido.

Quando, al contrario, il fenomeno diventa più frequente o si accompagna a sintomi, allora si parla di malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE).

L’incidenza della malattia da reflusso gastro-esofageo è in relazione all’età. Le ultime stime danno un’incidenza nella popolazione dei paesi industrializzati del 20-40% in gruppi di età compresi tra 45-64 anni, percentuale che aumenta in gruppi di età compresi tra 64-74 anni. Viceversa il 50% dei bambini di età compresa tra 0 e 3 mesi di vita lamenta almeno un episodio di rigurgito giornaliero, ma tale disturbo si riduce al 5% all’età di 10-12 mesi di vita per lo sviluppo della coordinazione neuromuscolare e posturale. Inoltre solo il 10% dei bambini di età inferiore ai 12 mesi affetti da reflusso vanno incontro a complicanze e tale incidenza è simile all’adulto.

Per quanto riguarda l’evoluzione della malattia si osservano dati discordanti, la malattia infatti andrebbe incontro a risoluzione spontanea nel 55% dei bambini di età inferiore a 10 mesi e nell’81% a 18 mesi, mentre nei bambini più grandi e nell’adulto la guarigione in percentuale diminuirebbe significativamente.

Le cause

La causa più comune della malattia da reflusso gastro-esofageo è l’alterata funzionalità dell’omonimo sfintere. L’esofago alle sue estremità, prossimale e distale, ha due “valvole” (sfinteri) che si aprono al passaggio del bolo, mentre esternamente è avvolto da una tunica muscolare che si contrae e si rilascia ritmicamente (peristalsi) e che facilita il movimento del cibo verso lo stomaco. Se la valvola inferiore si rilascia quando non dovrebbe (rilasciamenti inappropriati) si può avere reflusso gastroesofageo.

La seconda causa in ordine d’importanza è il rallentato svuotamento gastrico. Anche la scarsa motilità dell’esofago, che non consente di rimuovere velocemente il liquido refluito, rientra nel meccanismo patogenetico del reflusso.

A volte alla base del reflusso vi è un’ernia iatale che è uno scivolamento dello stomaco in torace attraverso il diaframma.

Altri fattori che possono favorire in modo diverso il reflusso gastroesofageo sono:

  • Predisposizione familiare e genetica;
  • Sovrappeso e obesità;
  • Diabete mellito;
  • Fumo;
  • Gravidanza;
  • Dieta alimentare squilibrata e scorretta;
  • Farmaci che infiammano l’esofago;
  • Abitudini di vita.

Sintomi

  • Bruciore retrosternale (pirosi);
  • Rigurgito;
  • Percezione della risalita di materiale acido lungo l’esofago;

Il bruciore è riferito alla parte alta dell’addome (anatomicamente definita “epigastrio” e comunemente chiamata “bocca dello stomaco”) e a livello retro-sternale. Il bruciore, che si può accompagnare a scialorrea (aumentata secrezione salivare), si manifesta tipicamente nelle ore dopo i pasti, ma può presentarsi anche di notte quando il paziente è supino. Altre volte tale disturbo può essere accusato come “dolore” che fa subito pensare a una causa cardiaca. Poiché il reflusso può anche superare la valvola superiore dell’esofago (sfintere esofageo superiore) e interessare faringe, laringe, polmoni ne consegue la possibilità di una sintomatologia extraesofagea.

I sintomi extraesofagei, definiti “atipici”, possono essere:

  • Faringite (mal di gola ricorrente);
  • Laringite cronica e altre affezioni delle corde vocali o delle aritenoidi (polipi, granulomi, ecc.);
  • Sensazione di nodo alla gola (sensazione di corpo estraneo e di contrazione alla gola);
  • Bronchiti croniche e asma bronchiale;
  • Patologie del naso e del rinofaringe;
  • Russamento abituale e apnee notturne;
  • Laringospasmo; dolore toracico non cardiaco;
  • Alitosi;
  • Erosione dello smalto dentario.

Possibili Complicanze

Il passaggio continuo di questo liquido in esofago può provocare un danno alla mucosa che si esprime con delle erosioni, ulcere, sanguinamento (con conseguente anemizzazione) o con complicanze più gravi come la stenosi (restringimento del lume) e l’esofago di Barrett.

Diagnosi

La diagnosi della malattia da reflusso è prevalentemente clinica basandosi sulla presenza dei sintomi tipici (pirosi e/o rigurgito) e dopo aver escluso altre patologie con sintomi simili.

Terapia

L’obiettivo primario della terapia medica della MRGE è il pieno controllo dei sintomi, (pirosi con o senza rigurgito) accompagnato dal miglioramento della qualità di vita del paziente.

Per contrastare il reflusso gastroesofageo oggi abbiamo a disposizione dei farmaci particolarmente efficaci (inibitori di pompa protonica IPP) in grado di ridurre la secrezione acida da parte dello stomaco. Tali farmaci, riducendo la quantità di acido gastrico disponibile per il reflusso nell’esofago, alleviano i sintomi e permettono la guarigione delle lesioni esofagee, qualora siano presenti.

Il numero degli interventi chirurgici per controllare il reflusso gastroesofageo è in netta diminuzione a livello mondiale grazie all’efficacia dei potenti farmaci disponibili che inibiscono la secrezione gastrica.

Reflusso e Osteopatia

L’osteopatia si avvale di manipolazioni delicate e indolori e può aiutare ad alleviare i sintomi da reflusso, anche nei bambini piccolissimi.

L’osteopatia può essere in grado di allentare le tensioni a livello del cardias, restituire mobilità alla colonna dorsale e cervicale, riequilibrare i diaframmi corporei e in particolare quello addominale, detendere l’esofago, abbassare l’attività del sistema neurovegetativo per aiutare l’organismo a esprimere meglio le proprie funzioni.

Reflusso e stile di vita

In letteratura scientifica si hanno evidenze del fatto che una regolare passeggiata dopo cena e un intervallo di tempo maggiore di tre ore tra la cena e il momento in cui si va a dormire sono associati a una riduzione dei sintomi da reflusso gastroesofageo. E’ stato inoltre scoperto che la melatonina può essere una valida alternativa potenzialmente efficace e che l’agopuntura potrebbe giocare un ruolo terapeutico in combinazione con PPI per il trattamento della malattia da reflusso gastro-esofageo. Infine per le persone che soffrono di reflusso è raccomandabile seguire una dieta povera di carboidrati e, in alcuni casi, perdere peso potrebbe portare un beneficio.

Bibliografia

– American Gastroenterological Association  (AGA). Institute Technical Review on the Management of Gastroesophageal Reflux Disease – Gastroenterology 2008;135:1392–1413

– Cosentino Felice. 2011. Reflusso Gastroesofageo: terapia medica o chirurgica? www.medicitalia.it.

– Karim S, Jafri W, Faryal A, Majid S, Salih M, Jafri F, Hamid S, Shah HA, Nawaz Z, Tariq U. J Pak Med Assoc. Regular post dinner walk; can be a useful lifestyle modification for gastroesophageal reflux. 2011 Jun;61(6):526-30. Out Patients Department, Section of Gastroenterology, Aga khan University Hospital, Karachi, Pakistan.

– Patrick Lyn, ND. Gastroesophageal Reflux Disease (GERD): A Review of Conventional and Alternative Treatments. Altern Med Rev. 2011 Jun;16(2):116-33.

– Society of American Gastrointestinal and Endoscopic Surgeons (SAGES) –  Guidelines for Surgical Treatment of Gastroesophageal Reflux Disease (GERD) – Practice/Clinical Guidelines  2010.

– Torres Quevedo R, Manterola C, Sanhueza A, Bustos L, Pineda V, Vial M. Diagnostic properties of a symptoms scale for diagnosing reflux esophagitis. J Clin Epidemiol. 2009 Jan; 62 (1):97-101. Epub 2008 Jul 10. Department of Anatomy, Faculty of Medicine, Universidad de Concepción, Chile.

Lascia un commento